X

DONA PER L'OCEANO

Aiutaci a sviluppare il programma e a promuovere l’alfabetizzazione critica dell’Oceano donando qui sotto

Skip to navigation Torna alla navigazione principale

Iniziativa digitale

Messy Studio: I Futuri del Pacifico

Date


LIVE STREAM

Su Ocean Archive e tramite diretta Facebook sui profili di Ocean Space e di TBA21–Academy

Cosa significa pensare agli oceani dell'Antropocene dal punto di vista del Pacifico? Quale spazio-tempo viene invocato quando i politici e i media usano il termine "secolo del Pacifico"?

Impegnarsi negli studi contemporanei sul Pacifico ci invita a entrare in un vasto paesaggio culturale-naturale intriso di violenza coloniale e di espropriazione, di accaparramento neocoloniale e di imperialismo nucleare, di militarizzazione e di capitalismo estrattivista. Ma significa anche tener conto delle vaste conoscenze sviluppate dagli abitanti delle isole del Pacifico nel convivere con le acque e le forme di vita del Pacifico, e delle molte pratiche quotidiane perfezionate per sfruttare le calamità e raccogliere i frutti dell'oceano.

Come possiamo sentire, con rispetto, le voci e le posizioni che sono state vessate, oscurate e messe a tacere? Come possono le articolazioni e le visioni del mondo sulle conoscenze del Pacifico, riaffiorare e integrarsi nel discorso ecocritico sul Pacifico? Per affrontare queste domande, dobbiamo mettere in rilievo nuovi contesti interdisciplinari al fine di comprendere le polarità coalizzanti della contemporaneità e della storia; la scienza, l'attivismo e la poetica; le "rotte e le radici", e per valutare le nostre ricerche con gli oceani e i loro numerosi e diversi abitanti.

Come nelle due traiettorie precedenti - l'analisi euro-araba che collega il Mare del Nord alla penisola arabica e la traiettoria della Corrente del Golfo - collegare la violenza coloniale delle forze contemporanee, che a volte viaggiano lungo percorsi simili, facilita le prospettive a lungo termine. Questi déjà vus offrono spunti su come certe visioni del mondo siano state stabilite e contestate, eppure, ancora in circolazione e su come vengono ridispiegate per convalidare i processi di cancellazione e di inferiorizzazione in corso. Per esempio, il "teatro del Pacifico", una denominazione che deriva dalla seconda guerra mondiale americana, viene ancora invocato metaforicamente per giustificare lo sfruttamento dei grandi bacini di risorse naturali del Pacifico, per mappare i suoi fondali ricchi di minerali e per utilizzare le sue acque ampiamente disabitate per "giochi di guerra" militari, come il RIMPAC (the Rim of the Pacific Exercise), un'esercitazione biennale di guerra marittima.

La conversazione del Messy Studio su "I Futuri del Pacifico", che riunisce studiosi, artisti e attivisti del Pacifico, mira a sviluppare metodologie e approcci trasformativi per l'impegno rispettoso e reciproco delle comunità di cura nella ricerca, nell'attivismo e nell'arte. Mette in discussione la persistenza di relazioni di potere nell'arte, nel mondo accademico e nel processo decisionale, studiando le questioni etiche su vasta scala e i molteplici impegni delle nazioni delle isole del Pacifico con la giustizia climatica internazionale. Le parole "ricerca" e "conoscenza" del Pacifico possono essere abbastanza fastidiose, intrise di esperienze di sottomissione. In questo contesto, le pratiche artistiche che implicano il recupero della terra, la conoscenza intergenerazionale, la storia materiale e la restituzione d'archivio - tutte questioni presenti nel lavoro di Taloi Havini - possono offrire ricche prospettive analitiche.

Nel saggio "Contro l'autenticità: le conoscenze globali e l'ecocritica postcoloniale", la studiosa Elizabeth DeLoughrey, co-autrice con Cara Cilano, affronta il problema dell'ecocritica come un problema di autocoscienza, di "stabilire i confini" da cui si parla per non replicare le strutture di potere della storia coloniale. A questo proposito, l'ecocritica "deve paradossalmente non avvicinarsi alla natura, ma tornare indietro attraverso la cultura per esaminare le tensioni e le contraddizioni che strutturano i nostri impegni con il mondo fisico, comprese (e soprattutto) le tensioni e le contraddizioni dell'ecocritica stesso"[1].

Durante questo Messy Studio, più voci esploreranno le storie che sono inscritte nella traiettoria del Pacifico Equatoriale di Territorial Agency, una traiettoria che si basa su dati frammentari raccolti da indagini globali sulla pesca, modellazione del clima oceanico, sistemi di trasporto marittimo e visualizzazioni dell'impatto ambientale dei test nucleari.

Dal Mar dei Caraibi attraverso il Canale di Panama, attraversando l'Oceano Pacifico attraverso la zona di frattura di Clarion-Clipperton, le Hawaii, le Isole Marshall e il Golfo del Bengala attraverso lo stretto di Malacca: quali strumenti legali, politici, poetici e narrativi possiamo adottare per affinare la nostra comprensione degli oceani e dei loro molteplici futuri?

I Messy Studio sono incontri peer-to-peer concepiti da Territorial Agency, che mobilitano il pensiero critico e la ricerca lungo le narrazioni interconnesse e le traiettorie ecopolitiche di "Oceans in Transformation". I Messy Studio coinvolgono scienziati, artisti, gruppi governativi e della società civile, politici e ambientalisti, con l'obiettivo di creare nuovi percorsi di azione e nuovi immaginari per l'oceano.

[1] Susie O’Brien, citata in Cara Cilano and Elizabeth DeLoughrey, “Against Authenticity: Global Knowledges and Postcolonial Ecocriticism,” Interdisciplinary Studies in Literature and Environment vol. 14, no. 1 (Inverno 2007): 71–87.

PROGRAMMA

19.0021.00 CET // 10.00–12.00 PDT // 24.00–2.00 ICT
Messy Studio: I Futuri del Pacifico

Presentazioni di Elizabeth DeLoughrey, docente di letteratura postcoloniale e indigena, UCLA; Jaimey Hamilton Faris, professore associato di teoria critica e storia dell'arte, Università delle Hawaii, Manoa; Maureen Penjueli, coordinatrice, Pacific Network on Globalisation, PANG, Fiji; e Taloi Havini, artista e curatrice con Territorial Agency, Markus Reymann, Daniela Zyman, e i partecipanti al programma di Ocean Fellowship.

Il programma sarà trasmesso in livestreaming su Ocean Archive e tramite diretta facebook sui profili di Ocean Space e di TBA21–Academy.

BIOGRAFIE

Jaimey Hamilton Faris è professoressa associata di teoria critica e storia dell'arte all'Università delle Hawaii, Manoa. La sua ricerca si concentra sugli approcci visivi ai sistemi globali, alle infrastrutture, alle ecologie e alle pratiche artistiche che si occupano dei costi sociali e ambientali nascosti del commercio globale e delle infrastrutture di capitale. È autrice del libro "Uncommon Goods" (Intellect, 2013). In "Almanac for the Beyond", guarda all'ecocritica sperimentale dedicata alla coltivazione di futuri plurimi al di là delle strutture petro-capitali. In "Liquid Archives, Liquid Futures", Hamilton Faris esplora nuovi approcci alle rappresentazioni della giustizia climatica nell'arte contemporanea, in concomitanza con la mostra "Inondazioni: arte e cambiamento climatico nel Pacifico", che presenta opere e artisti che si rivolgono alla regione dell'Asia Pacifico. Con sede a Honolulu da tredici anni, è co-fondatrice del progetto artistico no-profit OFF[hrs]. È stata direttrice del programma di residenza per artisti dell'UHM, organizzatrice degli eventi "alterna-APEC" del 2011 durante il summit APEC di Honolulu e responsabile del gruppo di ricerca internazionale di studi culturali 2018-19 sui futuri liquidi. Dal 2008 conduce un programma di ricerca sulle storie orali degli artisti hawaiani con l'obiettivo di creare un archivio digitale.

Elizabeth DeLoughrey insegna corsi di letteratura postcoloniale e indigena sull'ambiente, la globalizzazione, la politica del cibo, l'antropocene e il cambiamento climatico, con particolare attenzione alla letteratura femminile delle isole dei Caraibi e del Pacifico. È membro consulente di "The Living Archive: Extinction Stories from Oceania Project" e con Thom Van Dooren, è stata co-redattrice della rivista interdisciplinare ad accesso aperto Environmental Humanities. Le sue recenti borse di studio includono una borsa di studio di ricerca della Facoltà del Presidente dell'Università della California e una borsa di studio del Rachel Carson Center for Environment and Society Fellowship a Monaco di Baviera, Germania. È l'autrice di Routes and Roots: Navigating Caribbean and Pacific Literatures (2007), e co-redattore dei volumi Caribbean Literature and the Environment: Tra natura e cultura (2005); Ecologie postcoloniali: Letterature dell'ambiente (2011); ed Ecologie globali e scienze umane ambientali: Approcci postcoloniali (2015). Il suo ultimo libro, Allegories of the Anthropocene, esamina i cambiamenti climatici e l'impero nelle arti letterarie e visive ed è stato pubblicato dalla Duke University Press nel 2019.

Maureen Penjueli è nata sull'isola di Rotuma, ma ha trascorso la maggior parte della sua vita scolastica a Lautoka, nelle Fiji. Ha intrapreso il programma di fondazione in scienze presso l'Università del Pacifico del Sud e si è laureata in scienze ambientali alla Griffith University di Brisbane, Australia. Penjueli è un'attivista impegnata, che da oltre vent'anni si occupa di questioni di giustizia ambientale, sociale ed economica in tutta la regione. Attualmente è coordinatrice della Pacific Network on Globalisation (PANG), una delle principali ONG regionali che si occupa di questioni commerciali e di giustizia economica. Il lavoro di PANG comprende ricerca, lobbismo e difesa con e per conto di gruppi della società civile, organizzazioni religiose, comunità e proprietari terrieri abituali. La sua esperienza e il suo impegno con il Pacifico sono fondamentali per nuovi percorsi di attivismo per la gente del Pacifico e per l'oceano.

Taloi Havini, attualmente residente a Sydney, Australia, è originaria di Arawa, regione autonoma di Bougainville. Il suo lavoro è una risposta personale alla politica del luogo, che esplora siti e storie controverse collegate all'interno dell'Oceania, utilizzando fotografia, scultura, video immersivi e installazioni mixed-media. Lavorando con professionisti contemporanei viventi, è attivamente coinvolta in progetti comunitari a Bougainville e in Australia, come il progetto e la mostra "Women's Wealth". Il suo lavoro fa parte di collezioni pubbliche e private tra cui la Sharjah Art Foundation, Art Gallery of New South Wales, Queensland Art Gallery & Gallery of Modern Art, National Gallery of Victoria, e Kadist a San Francisco, California. Havini ha conseguito una laurea presso la Canberra School of Art, Australian National University, ed ha esposto al Palais de Tokyo, Parigi, alla Sharjah Biennial 13, Emirati Arabi Uniti, alla 3a Triennale di Aichi, Nagoya, all'8a e 9a Triennale d'Arte Contemporanea dell'Asia Pacifico e alla Queensland Art Gallery & Gallery of Modern Art di Brisbane.