X

DONA PER L'OCEANO

Aiutaci a sviluppare il programma e a promuovere l’alfabetizzazione critica dell’Oceano donando qui sotto

Skip to navigation Torna alla navigazione principale

Iniziativa digitale

Messy Studio: Città in divenire sulle coste dell'Asia

Date


LIVESTREAM

Su Ocean Archive e tramite diretta Facebook sui profili di Ocean Space e di TBA21–Academy

Dal punto di strozzatura dello stretto di Malacca al Golfo di Thailandia, da Singapore alla costa della Cina, da Taiwan al Giappone e oltre fino allo stretto di Bering, la traiettoria dell' "Asia metropolitana" esamina gli effetti delle attività umane sulle regioni costiere del Pacifico asiatico. Secondo Territorial Agency, i mari dell'Asia possono essere definiti metropolitani. Essi stanno assistendo a un'estrema intensificazione delle attività portuali e marittime pari alla rapida urbanizzazione del suo litorale. Le zone costiere hanno conosciuto una massiccia espansione urbana negli ultimi decenni e sono estremamente sensibili alla vulnerabilità urbana legata al clima. L'innalzamento del livello del mare entro la fine del secolo, come previsto dall' Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC), sommergerebbe le terre attualmente occupate da 470 a 760 milioni di persone a livello globale, principalmente in Asia orientale, e inciderebbe sui mezzi di sussistenza di oltre 1,5 miliardi di persone.

"L'innalzamento del livello del mare sarà il più grande progetto dei prossimi trenta anni che affronterà il futuro della convivenza umana. Potremmo avere appena il tempo di modificare radicalmente le aree che saranno inondate in vasti nuovi spazi per ospitare le popolazioni e contenere l'acqua, così come grandi miglioramenti della biosfera che possono portare a pozzi di carbonio e ripristinare gli ecosistemi marini e terrestri e i loro ecotoni", scrive Territorial Agency [1].

Partendo dalle intersezioni tra architettura, pratiche spaziali critiche, arte e attivismo, questo Messy Studio ospiterà una discussione sull'Antropocene costiero asiatico e sul modo in cui esso plasma il futuro dell'abitare urbano. L'architetto e curatore capo della Biennale di Shanghai Andrés Jaque introdurrà la sua ricerca e la sua pratica in relazione alle collettività fluide al di là dei binari della "carne e terra", dell'umano e del non umano. Le pratiche tradizionali e i miti intorno alle alleanze trans-specie saranno al centro dell'intervento di You Mi, come metafore per pensare oltre l'attuale stallo di sviluppo da un più ampio background geografico e politico-economico dell'Eurasia. Alvin Li e Julian Junyuan Feng prenderanno come punto di partenza la rappresentazione visiva dell'ambiente marino di Hong Kong per immergersi nella storia della bonifica del territorio e nel futuro della città in relazione al loro progetto, "Liquid Grounds", che aprirà al Para Site nel 2020. L'artista Rhine Bernardino introdurrà la sua ricerca sulle comunità nomadi del mare e si occuperà dei modi in cui lo sviluppo attuale influisce direttamente sulle comunità con cui lavora, nel più ampio contesto conflittuale delle Filippine e dell'isola artificiale cinese. Riflettendo sui controlli statali e sui confini creati dal colonialismo, dal nazionalismo e dal capitalismo, Irwan Ahmett e Tita Salina parleranno dei loro interventi a piedi in corso sulla costa settentrionale di Giacarta, proponendo otto modi per penetrare i confini di Singapore, ispirati da atti storici di navigazione, contrabbando, sovversione e 'sumpah' (giuramento / promessa).

[1]Territorial Agency, "When Above", e-flux Architecture (giugno 2020).

PROGRAMMA

16:00 - 18:00 (CET)
Messy Studio: Città in divenire sulle coste

Presentazioni di Rhine Bernardino (artista); Andrés Jaque, (architetto, Office for Political Innovation); Alvin Li and Julian Junyuan Feng, (curatori della mosta “Liquid Ground”); You Mi (curatore and ricercatore); Irwan Ahmett and Tita Salina (artisti). Con Territorial Agency, Markus Reymann, Daniela Zyman, e i partecipanti al programma di Ocean Fellowship.

Il programma sarà trasmesso in livestreaming su Ocean Archive e tramite diretta facebook sui profili di Ocean Space e di TBA21–Academy.