X

DONA PER L'OCEANO

Aiutaci a sviluppare il programma e a promuovere l’alfabetizzazione critica dell’Oceano donando qui sotto

Skip to navigation Torna alla navigazione principale

Iniziativa digitale

Cara Venezia

Date



Un’iniziativa rivolta agli artisti, che collaborano con TBA21−Academy per riflettere sull’attuale situazione globale di crisi causata dal COVID-19 che si evidenzia in modo specifico nel caso di Venezia.

La crisi pandemica sta coinvolgendo non solo l’Italia ma tutto il mondo, obbligandoci a vivere una situazione di reclusione sociale che da emergenza si sta evolvendo in quotidianità. Nonostante al giorno d’oggi il numero delle vittime sia stato ben più alto in altre meno fortunate città italiane, Venezia si trova ad essere calata in una situazione unica nel suo genere, in cui il COVID-19 è l’ultimo disastroso tassello della sua storia recente. A novembre 2019, la città è stata duramente e lungamente colpita da una serie di maree eccezionali che hanno letteralmente sommerso la città senza dare scampo ai cittadini, ai turisti e alle attività commerciali. Venezia si trova ora a vivere una situazione paradossalmente irreale in cui la sua identità di meta turistica e culturale si è improvvisamente rovesciata per fare spazio al vuoto e al silenzio.

L’acqua alta, la zona rossa, la pandemia stanno mettendo la città davanti ad interrogativi che forse mai fino ad ora si è trovata ad affrontare. Ed è per cercare di stimolare il dibattito, il pensiero critico e per rimmaginare il futuro e l’identità della città che Ocean Space e TBA21−Academy hanno chiesto alla comunità di artisti con cui da anni collaborano di mandare un messaggio alla città di affetto e vicinanza, attraverso i mezzi da loro preferiti, siano essi immagini, video, suono, dichiarazioni, ecc. I contributi degli artisti saranno condivisi sui canali social e sulla piattaforma ocean-archive.org.

Gesti autentici di attenzione e cura possono generare momenti di riflessione, solidarietà e di speranza per un futuro migliore, pensando a come l'impatto umano possa modificare l'ambiente in cui tutti noi viviamo.


Foto: Alice Ongaro Sartori