X

DONA PER L'OCEANO

Aiutaci a sviluppare il programma e a promuovere l’alfabetizzazione critica dell’Oceano donando qui sotto

Skip to navigation Torna alla navigazione principale

Podcast

Coltivare la Città con Michele Savorgnano e Lorenzo Basadonna Scarpa, Ortofoto

Nowtilus. Storie da una laguna urbana del 21esimo secolo

Date



Attività digitale

Disponibile su Ocean Archive, SoundCloud, Spotify, iTunes e Google Podcast.

In questo sesto episodio della serie Nowtilus. Storie da una laguna urbana del 21esimo secolo ci avventureremo alla scoperta del verde urbano di Venezia, alla ricerca di piante ed alberi, ma anche di spazi e idee che vogliono promuovere un modo nuovo di coltivare questa città. Ci accompagneranno in questo viaggio Michele Savorgnano, fondatore del progetto F.U.D. (Fattoria Urbana Diffusa) e Lorenzo Basadonna Scarpa, co-creatore, insieme a Giovanni Dal Sasso e Lucrezia Lamera, del progetto Ortofoto. Michele Savorgnano ci racconterà di permacultura, di orti collettivi e giardini nascosti, mentre con Lorenzo Basadonna Scarpa andremo alla scoperta degli alberi solitari che popolano Venezia, ricostruendo il loro significato e la loro importanza nel grande progetto di classificazione e mappatura che ha visto la luce in Ortofoto.

Episodio disponibile su Ocean Archive, SoundCloud, Spotify, iTunes e Google Podcast.

Musica: Chateau Rouge di Christian Fennesz, tratto dall’album “Venice" (2004), ed estratti da Écouter le monde (2017) di Riccardo Sellan.

Michele Savorgnano – Fattoria Urbana Diffusa

Michele Savorgnano è nato e cresciuto nella Bassa Friulana dove impara ad amare la terra dai nonni che da giovani erano agricoltori. Si trasferisce a Venezia in età adulta e per molti anni non si rende conto di un’assenza importante nella sua vita, la campagna. Decide con alcuni amici di andare alla ricerca di uno spazio verde dove poter iniziare un progetto di orto collettivo; è fondatore nel 2009 di SpiazziVerdi, viene creato il primo orto collettivo in città (uno dei primi in Italia), all’isola della Giudecca, ed iniziano subito le sperimentazioni con varie tecniche di orticoltura, affrontando anche tematiche legate a nuovi stili di vita, decrescita, altra economia; non solo terra quindi.

Sempre nello stesso anno inizia un percorso all’interno dell’Accademia Italiana di Permacultura, i principi di David Holmgren vengono applicati nell’orto della Giudecca trasformandolo in qualcosa di più di un orto, un centro conviviale all’aperto dove le persone si trovano per lavorare la terra, mangiare i suoi frutti, sognare il futuro della propria città. Inizia un percorso di formazione con la Scuola Esperienziale Itinerante di Agricoltura Biologica.

Da diversi anni progetta orti e giardini “edibili” e svolge attività didattica e di consulenza sulla permacultura e l’agricoltura sociale. ​Nel 2013 fonda F.U.D. che diventa associazione a dicembre '17.

Lorenzo Basadonna Scarpa – Ortofoto

Una ortofoto, o ortofotografia, è una ripresa fotografica aerea che è stata geometricamente corretta (subendo procedimento di ortorettifica) e georeferenziata in modo tale che la scala di rappresentazione della fotografia sia uniforme; la foto può essere considerata equivalente ad una carta geografica.Il concetto di Ortofoto è il punto di partenza per il progetto in esposizione, un percorso fotografico che immortala su pellicola gli alberi del patrimonio pubblico di Venezia.

A differenza del vero significato del titolo, il progetto ORTOFOTO propone vedute di verde pubblico immortalate da terra, durante diverse giornate di passeggiate attraverso le calli e i campi veneziani; una ricerca minuziosa di quei luoghi dove gli alberi divengono protagonisti in un contesto artificiale come la città che ci ospita.
Alberi di diverse dimensioni e forme, alberi che danno ristoro e protezione, alberi che segnano un punto di ritrovo all’aperto, alberi spesso osservati distrattamente e dati per scontati. Con l'utilizzo di metodi creativi per rappresentare la geolocalizzazione, e con l'uso oggettivo dello strumento fotografico, ORTOFOTO cerca di dare una nuova visibilità e considerazione a questi elementi naturali. Ogni foto viene titolata non tanto con un riferimento al luogo rappresentato, ma utilizzando le sue coordinate geografiche; sulla mappa invece vengono coperte le aree dove sono state scattate le foto ma senza segnalare dove trovare l’albero nello specifico.

Un gioco quindi che vuole spingere l’osservatore ad interrogarsi e ripercorrere per le strade di Venezia le nostre passeggiate alla scoperta del verde pubblico cittadino.

Ortofoto è un progetto espositivo in divenire che va completandosi di edizione in edizione, per continuare il racconto del verde verticale veneziano. La mappa stessa sarà in divenire in quanto memoria tangibile delle edizioni precedenti e dei luoghi della città di cui viene portata testimonianza.