X

DONA PER L'OCEANO

Aiutaci a sviluppare il programma e a promuovere l’alfabetizzazione critica dell’Oceano donando qui sotto

Skip to navigation Torna alla navigazione principale

The Soul Expanding Ocean #4: Diana Policarpo

Ciguatera  — 

  • Ingresso

    Gratuito

  • Data di apertura

  • Luogo

    Ocean Space

  • A CURA DI

    Chus Martínez

TBA21–Academy presenta la mostra personale dedicata all'artista Diana Policarpo a Ocean Space. La mostra fa parte di un programma espositivo biennale intitolato "The Soul Expanding Ocean" a cura di Chus Martínez, curatrice di Ocean Space per il 2021 e 2022.

Servendosi principalmente del suono e dell’installazione, nella sua opera Diana Policarpo s’ispira allo studio artistico di storia e natura, contribuendo a un chiaro linguaggio artistico ed estetico. L’ultima opera commissionata all’artista per Ocean Space vedrà lo sviluppo di un’installazione scenografica. La commissione prende spunto da un viaggio di ricerca alle Isole Selvagge portoghesi, situate tra l’arcipelago di Madeira e le Canarie, che sono diventate un caso di studio nella mappatura delle storie coloniali attraverso il tracciamento della biodiversità naturale.

I temi centrali per lo studio del paesaggio delle rocce includono l'empatia per l'Oceano e la salute ambientale. Attraverso la presentazione di video, audio e disegni sul microbiota dell'Oceano, Policarpo trasmette una sensazione estetica del paesaggio mentre offre una comprensione concettuale dei problemi che la costa affronta, comprese le alghe e i pesci che la abitano. Il suo lavoro è unico nel raccontare una storia quasi fantascientifica, modificando il modo in cui vediamo comunemente il mondo naturale coinvolgendo attivamente lo spettatore nell'esperire le consistenze, percepire le immagini e immergersi nelle atmosfere di luce.

Questo nuovo lavoro segna un notevole salto di scala nell’ambizione di diventare la più grande installazione scultorea della Policarpo ad oggi, offrendole l’occasione di esprimere totalmente il proprio linguaggio artistico. Nel suo approcciarsi alla scultura, trasparenza e fluidità assumono una valenza politica ed estetica centrale. Nell’intento dell’artista, le nostre esperienze corporee ne saranno toccate e trasformate, divenendo esse stesse una sostanza liquida simile all’acqua, capace di aderire alle ambientazioni create dall’artista. Attraverso la materialità delle opere d’arte, si avrà la sensazione di trovarsi dentro l’Oceano e da lì di riflettere.

Diana Policarpo: immagine del viaggio di ricerca alle Isole Selvagge in Portogallo. Cortesia dell’artista. “The Soul Expanding Ocean #4: Diana Policarpo” è commissionata e prodotta da TBA21–Academy.

‘I nostri occhi diventano lenti, vediamo come un microscopio, vediamo come una telecamera che registra le profondità dei mari, vediamo come un drone. Diana Policarpo gioca con la nostra presenza fisica nello spazio per rendere visibili i molti modi in cui l'oceano dà senso alla vita. L'installazione è un'isola, un'isola selvaggia, non toccata dagli umani’. - Chus Martínez

DIANA POLICARPO

Diana Policarpo è un’artista e compositrice visual che si serve di media visivi e musicali, tra i quali disegno, video, scultura, testo, performance e installazioni sonore multicanale. Policarpo indaga la politica di genere, le strutture economiche, la salute e le relazioni intraspecifiche attraverso la ricerca transdisciplinare speculativa. Crea performance e installazioni per approfondire esperienze di vulnerabilità ed empowerment associate all’esposizione dell’individuo al mondo capitalistico. Le sue opere sono state esposte in tutto il mondo, tra le altre anche in occasione di mostre personali presso Kunsthall Trondheim; Galeria Municipal do Porto; Centro de Artes Visuais, Coimbra; Galeria Lehmman + Silva, Porto; Belo Campo/Galeria Francisco Fino, Lisbona; GNRtion, Braga; lAB Artists Unlimited, Bielefeld; Kunstverein Leipzig; Xero, Kline and Coma, Londra; Kunsthall Baden-Baden. Policarpo ha da poco esposto, esibito e proiettato la sua opera presso st_age (Thyssen- Bornemisza Art Contemporary); Maus Hábitos, Porto; Interstício, Londra; Nottingham Contemporary; Whitechapel Gallery, Londra; Museu de Arte Contemporânea de Elvas (MACE); ARCOmadrid; Chiado 8, Lisbona; Kunsthall Oslo (con Marie Kolbæk Iversen); LUX - Moving Image, Londra; Cafe OTO, Londra; Guest Projects, Londra; Tenderpixel, Londra; Shau Fenster, Berlino; Mars Gallery, Melbourne; Peninsula Gallery, New York; Institute of Contemporary Arts, Londra e W139, Amsterdam. Policarpo è stata insignita del Prémio Novos Artistas Fundação EDP 2019 e del illy Present Future Prize 2021.

CHUS MARTÍNEZ

Chus Martínez è a capo dell’Art Institute presso la FHNW Academy of Arts and Design a Basilea, e curatrice 2021-22 di Ocean Space a Venezia, il centro di TBA21–Academy per la diffusione della conoscenza, la ricerca e l’attività di sostegno a favore delle tematiche oceaniche attraverso l’arte. Precedentemente, ha guidato il progetto "The Current" II (2018– 20), promosso da TBA21–Academy. "The Current" è l’ispirazione che ha portato ad Art is Ocean, un ciclo di seminari e conferenze presso l’Istituto d’Arte che analizza il ruolo degli artisti nel concepire nuovi modi per sperimentare la natura.