X

DONA PER L'OCEANO

Aiutaci a sviluppare il programma e a promuovere l’alfabetizzazione critica dell’Oceano donando qui sotto

Skip to navigation Torna alla navigazione principale

OCEAN / UNI

OCEAN / UNI “Immagina l’oceano secco come lavanda”

I Mediterranei come hotspot del cambiamento e adattamento climatico

Date
Bimensile il mercoledì 18.00-19.30
Biglietto d'ingresso
Gratuito
OPEN CALL

Scarica qui

LINGUA

Le sessioni si terranno in inglese

Con un titolo ispirato ai bellissimi versi della poetessa egiziana-libanese-francese Andrée Chedid (Imagine / La mer, / Sèche comme lavande)[1] il semestre primaverile 2022 di OCEAN / UNI si concentra sul bacino del Mediterraneo come hotspot antropocenico e su come costruire modi critici di pensare ad esso.

Ci sono tanti Mediterranei quante sono le demarcazioni delle complesse geografie, storie, ecologie e conflitti geopolitici che compongono questa regione nevralgica, che resiste costantemente alla sua omogeneizzazione[2]. Mentre il Mar Mediterraneo è ora descritto come uno spazio "solido" i cui confini liquidi sono chiusi, recintati e sorvegliati dall'UE per fermare la libera circolazione dei corpi dei migranti[3], il clima mediterraneo - sopra e sotto la superficie dell'acqua - sta mutando a un ritmo così tumultuoso[4] che il suo perimetro in espansione è sfocato e sempre più difficile da disegnare. Quest'area in espansione si sta riscaldando il 20% più velocemente della media globale[5]; le coste lontane sono ora collegate da ondate di calore, linee di aridità e siccità stagionali, la ricca biodiversità marina viene erosa, e il rapido declino dell'ossigeno, dei nutrienti e delle biomasse nelle acque viene descritto come un processo di "desertificazione". Cosa c'è allora da disimparare e reimparare situando le nostre osservazioni in una prospettiva mediterranea acquatica?

Considerare "i Mediterranei" come una regione plurale e transnazionale in trasformazione, basata su reti idriche composte da bacini, fiumi, coste e zone umide, ci aiuta a capire che funzionano come una costellazione di ecosistemi distinti, ma interconnessi. Tali sistemi, "reti multispecie" e "paesaggi diseguali", come sottolinea Anna Tsing[6], hanno bisogno di essere compresi nella loro specificità, prima di essere tradotti su scala planetaria.

Le sette sessioni adottano un approccio transdisciplinare e decolonizzante[7], invitando scienziati, attivisti, artisti e professionisti del Mediterraneo a condividere le loro conoscenze e prospettive. Collegando le anomalie di accelerazione dei cicli dell'acqua, i casi di studio specifici e le azioni situate, OCEAN / UNI parte dal presente per riflettere sui possibili adattamenti e i futuri immaginabili. Guardare ai Mediterranei come paradigma, non localizzando la loro condizione mutevole, significa guardare a molti altri mari di mezzo ed ecosistemi del globo.

1] Da: Andrée Chadid, Imagine, 1968, in Textes pour un poème, Flammarion, 2014, p. 259. Tradotto in inglese in : Women of the Fertile Crescent: An Anthology of Modern Poetry di Arab Women, edito e tradotto da Kamal Boullata, Three Continents Press, 1978, p. 7.

2] David Abulafia, The Great Sea: A Human History of the Mediterranean. Oxford University Press, 2011

3] Multiplicity, Solid Sea, 2002. Commissionato da Documenta 11. Membri fondatori Stefano Boeri, Maddalena Bregani, Francisca Insulza, Francesco Jodice, Giovanni La Varra e John Palmesino.

4] IPCC, Scheda informativa regionale: L'Europa nel sesto rapporto di valutazione, Gruppo Lavoro I - The Physical Science Basis, 2021 LINK

5] Programma delle Nazioni Unite per l'Ambiente, Centro di attività regionale di informazione e comunicazione, 2020, Il Mediterraneo è un hotspot del cambiamento climatico, LINK

6] Anna Lowenhaupt Tsing, Andrew S. Mathews e Nils Bubandt, Patchy Anthropocene: Landscape Structure, Multispecies History and the Retooling of Anthropology

7]Gabriele Proglio (ed.da), Decolonising the Mediterranean. European Colonial Heritages in North Africa and the Middle East, Cambridge Scholars Publishing, 2017

COME PARTECIPARE

Il programma è rivolto ad adulti di qualsiasi provenienza e desiderosi di impegnarsi in conversazioni ecologiche, politiche, estetiche, etiche e scientifiche intorno al futuro dell'Oceano. Le sessioni sono tenute esclusivamente in inglese, quindi si raccomanda un buon livello di ascolto e di conversazione per garantire un'esperienza di apprendimento significativa.

Il curriculum è aperto a chiunque sia interessato ad approfondire la conoscenza, la comprensione e l'esperienza dei temi di ricerca sviluppati nel programma di borse di studio curatoriali The Current III "Mediterraneans: 'Thus waves come in pairs' (after Etel Adnan)". Il primo ciclo di The Current III è guidato da Barbara Casavecchia come un esercizio transdisciplinare e transregionale di rilevamento e apprendimento, con il sostegno di progetti situati, pedagogie collettive e voci lungo le rive del Mediterraneo attraverso l'arte, la cultura, la scienza, la conservazione e l'attivismo.

OCEAN / UNI

Avviato da Daniela Zyman, OCEAN / UNI è un progetto collaborativo sviluppato da TBA21-Academy per istituti di istruzione superiore, ricercatori indipendenti, professionisti e appassionati di Oceano che incoraggia la costruzione di una rete di vasta portata e lo sviluppo di una metodologia transdisciplinare. Istituito nell'autunno 2020, come parte delle attivazioni intorno alla mostra "Territorial Agency: Oceans in Transformation" curata da Daniela Zyman, OCEAN / UNI è concepito come uno spazio pedagogico che invita a pensare con l’Oceano come un modo per muoversi verso formulazioni più anfibie, oltre il binomio terra-mare.

Il formato di studio proposto ruota intorno a sessioni bisettimanali supportate da laboratori più piccoli, più intimi, ospitati digitalmente. Il programma è aperto a un gruppo di partecipanti pubblici pre-registrati, gruppi universitari, ospiti e moderatori collegati via Zoom, l'ocean comm/uni/ty e Ocean-Archive.org

ISCRIZIONE ONLINE

CALENDARIO

Mercoledì 9 febbraio, 18:00–19:30
Prima sessione
Prologue: On transformative narratives for climate justice


Mercoledì 23 febbraio, 18:00–19:30
Seconda sessione
Coastal ecosystems: mutations and solutions

Mercoledì 2 marzo I ATTIVAZIONE

Mercoledì 9 marzo,18:00–19:30
Terza sessione
Aridity, politics and poetics of Mediterranean water cycles

Mercoledì 16 marzo II ATTIVAZIONE

Mercoledì 23 marzo, 18:00–19:30
Quarta sessione
A breathless sea. The intricacies of water pollution

Mercoledì 30 marzo III ATTIVAZIONE

Mercoledì 6 aprile, 18:00–19:30
Quinta sessione
Rights to more-than-humans! The legal case for the Mar Menor lagoon

Mercoledì 13 aprile IV ATTIVAZIONE

Mercoledì 27 aprile, 18:00–19:30
Sesta sessione
Against nature? Challenging norms, redefining rights

Mercoledì 4 maggio V ATTIVAZIONE

Mercoledì 11 maggio, 18:00–19:30
Settima sessione
On Mediterraneization: different latitudes, same issues

Mercoledì 18 maggio VI ATTIVAZIONE

TEAM

Il semestre primaverile 2022 di OCEAN / UNI è curato e sviluppato da Barbara Casavecchia, Leader di The Current III - "Mediterraneans: 'Thus waves come in pairs' (after Etel Adnan)"; Pietro Consolandi; Justine Daquin e Zoé Le Voyer (Calypso 36°21), ex Borsiste del programma di Ocean Fellowship; e Beatrice Forchini, Assistente Curatrice, TBA21; insieme a Petra Linhartova, Responsabile Dipartimento Digitale & Sviluppo, Michal Kučerák, Responsabile Contenuti Digitali; e Markus Reymann, Direttore di TBA21–Academy. Design grafico: Lana Jerichova, bruno. Prodotto con cura dal team di TBA21–Academy.

PARTNER ACCADEMICI 2021/2022

  • Università Ca’ Foscari di Venezia, Italia
  • Columbia University, NY, Stati Uniti
  • GEO—DESIGN, Design Academy Eindhoven, Olanda
  • Hochschule Mainz: University of Applied Sciences, Germania
  • Institut Kunst, FHNW Academy of Art and Design, Basilea, Svizzera
  • Salon Swiss / Bern University of Applied Sciences, Svizzera
  • NABA, Milano, Italia